sabato 16 febbraio 2013

NOSTRADAMUS ANNUNCIA IL X PIANETA



Le quartine di Nostradamus, spesso criticate dagli scettici, sono in realtà più profonde di quanto si creda. Riportiamo nuovamente la quartina che descrive gli avvenimenti eccezionali di questi ultimi giorni e di cui adesso ne analizzeremo più dettagliatamente il significato:

I.46
Tout aupres d’Aux, de Lectore & Mirande
Grand feu du ciel en troys nuicts tumbera:
Cause auiendra bien stupende & mirande:
Bien peu apres la terre tremblera.

I.46
Molto vicino ad Aux, Lectore e Mirande
Gran fuoco dal cielo in tre notti piomberà:
Evento accadrà davvero stupendo e mirabile:
Poco dopo la terra tremerà.

 
Delle stelle dal cielo si è già ampiamente parlato ma proprio poche ore fa, come descritto dal veggente di Salone si è aggiunto anche il terremoto: 4.8 magnitudine, con epicentro Sora vicino Frosinone.
 
A questo punto però diventa fondamentale capire anche il significato della prima parte della stessa quartina: a chi si riferisce menzionando “Aux, Lectore & Mirande”?

La risposta è davvero stupefacente.

Iniziamo da Mirande o Miranda: altro non è che il nome di una luna di Urano designata come Urano V scoperta proprio il 16 febbraio 1948 da Gerard Kuiper


Kuiper “arrivó negli Stati Uniti nel 1933 dove inizió e sviluppó una fruttuosa carriera nel campo dell'astronomia del sistema solare essendo considerato di fatto il padre delle scienze planetarie moderne.

Tra gli altri lavori teorici sono da menzionare lo sviluppo di numerosi aspetti della teoria della formazione del sistema solare come la formazione dei planetesimi e il ruolo svolto dalle collisioni nella storia primitiva del sistema solare, sostenendo egli l'idea che i crateri terrestri provenissero da impatti con corpi esterni alla Terra.
Kuiper è tuttavia noto per l'intuizione dell'esistenza di una fascia di materiale cometario oltre l'orbita di Nettuno, proveniente dalla formazione del sistema solare, confermato poi nel 1991 e conosciuto appunto come Fascia di Kuiper.
Nel 1959 gli è stato assegnato l'Henry Norris Russell Lectureship ( un particolare riconoscimento assegnato ogni anno da parte della Società Astronomica Americana per una vita spesa nella ricerca scientifica in campo astronomico http://it.wikipedia.org/wiki/Henry_Norris_Russell_Lectureship).
Kuiper dedicò gran parte della sua attività allo studio della parte più periferica del sistema solare; va da sé, quindi, che si sia dedicato alla ricerca del decimo pianeta. Per cercarlo scandagliò lo spazio fino a 270 unità astronomiche ed esaminò 90 milioni di stelle , ma non trovò nulla.”


Nel 1982, precisamente il 28 giugno la rivista Newsweek si occupò del Pianeta X in un articolo intitolato “Does the Sun Have a Dark Companion?” (Il Sole ha un Compagno Oscuro?).
L’articolo riportava che il Decimo Pianeta davvero orbiterebbe (come in un sistema binario) intorno a due Soli (uno è il nostro Sole), ma noi non saremmo in grado di vedere l’altro astro perché sarebbe una “stella oscura”. L’articolo riportava che: “Un compagno oscuro potrebbe produrre la forza non visibile che sembra trascinare Urano e Nettuno, accelerandoli fino ad un certo punto nelle loro orbite e trattenendoli mentre passano... la migliore scommessa è una stella oscura che orbiti ad almeno 50 miliardi di miglia oltre Plutone... È molto probabilmente o una Nana Bruna(2), o una stella di neutroni.

Manca adesso soltanto il significato di “Aux” e visto che tutta la quartina si riferisce a significati astronomici anche questa parola non può che trovarsi in questo campo.
Il primo riferimento a questa lo troviamo nel nome di una località dell’Oceano Indiano:

“Anse Pins aux che ha una differenza oraria sulla zona GMT/UTC di +04:00 ore che si misura con gli orologi atomici.
L’ ora a Anse Pins aux, è calcolata in base ai fusi orari di Seychelles,
le coordinate geografiche di Anse Pins aux:
§ Latitudine di Anse Pins aux: 55º 19'
§ Longitudine di Anse Pins aux: 4º 25'
Non ci sono cambi di orario previsti per Anse Pins aux nel 2013.”


L'asteroide 2012 DA14 passava alla distanza minima dalla Terra, soli 27.700 chilometri, alle 20.40 ora italiana del giorno 15 febbraio, sull’Oceano Indiano prima di lasciare l’orbita terrestre.
 




Ma soprattutto “Aux” scomponendolo diventa “Au X” ossia “Al Decimo” con ancora un esplicito riferimento al X pianeta che i Sumeri chiamavano Nibiru.

Riassumendo: Nostradamus ci parla di un asteroide proveniente dalla fascia di Kuiper (Lectore & Miranda) che annunciato da una pioggia di meteoriti il 15 febbraio 2013 sorvola l’Oceano Indiano (Aux) alla minima distanza dalla terra prima di proseguire la sua traettoria a cui farà seguito un terremoto.
Possiamo ancora dire che Nostradamus non sia preciso nelle sue Centurie?

Di Laura Poggiani – Tutti i diritti riservati



Nessun commento:

Posta un commento