mercoledì 15 aprile 2015

LUNA NUOVA DI APRILE 2015



 



Questa fase presenta aspetti negativi che coinvolgono Venere (opposta a Saturno e quadrata a Nettuno) e Giove (quadrato a Marte e Mercurio). Sarà quindi un periodo caratterizzato da poco ottimismo, da possibili ulteriori attacchi alla Giustizia in genere nonché da una tendenza ad esprimere le idee con aggressività mentre, contemporaneamente, le donne saranno purtroppo ancora protagoniste negativamente della cronaca. Ancora periodo piuttosto nervoso per quanto riguarda le 3 religioni monoteiste con particolare criticità per il Cristianesimo nonché per la sua massima espressione ossia il Papa che potrà essere al centro di attacchi mediatici piuttosto violenti.

Aree geografiche a rischio: USA, India.



Per quanto riguarda l’Italia sarà al centro dell’attenzione il settore del Pubblico Impiego nonché l’aumento di problematiche relative alla politica estera, con possibile coinvolgimento nei conflitti e difficoltà con stati partner.



Per quanto riguarda Il meteo si segnala un periodo caratterizzato da vento e umidità soprattutto nella seconda parte della Fase con temperature in crescita.





Di Laura Poggiani – Tutti i diritti riservati


 

martedì 14 aprile 2015

E’ UN MONDO DIFFICILE….




Gli avvenimenti che i telegiornali ci rimandano quotidianamente dipingono sempre più a tinte fosche una realtà che rischia di collassare di minuto in minuto, sia sul piano internazionale (sono infatti ormai numerosi i conflitti sparsi per il mondo) che a livello nazionale, con un flusso migratorio ormai insostenibile per uno spazio limitato quale è l’Italia. L’analisi astrologica che ha portato a questa situazione sul piano mondiale si riflette, inevitabilmente, anche sul piano del singolo e permette di capire meglio la realtà che ci circonda nonché i possibili scenari futuri.

Ogni volta, infatti, che un pianeta cambia di Segno, si “colora”, e “colora” a sua volta, i 30° zodiacali che percorre, collegandosi ad altri pianeti che, in quel momento stanno attraversando, con uguale efficacia, un’altra zona del cielo. Già i flussi migratori si erano attivati con il transito di Plutone in Sagittario, terminato nel 2008, ma il suo attuale movimento in Capricorno ci dice molte cose più specifiche: da un lato il verificarsi, sempre più pressante, di dissesti idrogeologici, terremoti e lo spostamento di grandi masse di terra. Dall’altro, abbiamo un rafforzamento del conservatorismo e del potere che, con lucidità capricorniana, muove gli eventi per i suoi scopi. Com’è noto, Plutone in Capricorno sta subendo la quadratura di Urano in Ariete: il desiderio di potere trova appoggio nella moltitudine, nel pietismo e nel rafforzamento di alcune correnti religiose (Nettuno in Pesci), che si scontra con un primordiale desiderio di cambiamento, di idee rivoluzionarie, di affermazione del proprio credo mediante la forza.

Questa inevitabile premessa mette in luce quanto alcuni astrologi avevano già segnalato almeno una trentina di anni fa, ossia che stiamo avviandoci alla fine di un ciclo, che porterà ad una nuova fase (non stiamo certo parlando della fine del mondo, ma semplicemente di una società che prova a poggiarsi su principi diversi da quelli sinora proposti)  e come sempre, quando un ciclo si avvia a conclusione, si intensifica la reattività di chi non vuole alcun cambiamento ma si abbarbica alla realtà attuale nella vana speranza di fermare il tempo. In altre parole, come dice un detto cinese, “quando soffia il vento del cambiamento, alcuni erigono muri, altri costruiscono mulini a vento”. Le generazioni nate negli anni ’60 – Urano e Plutone in Vergine – e ’70 – Urano e Plutone in Bilancia – vedono messe in discussione le proprie certezze da Nettuno, le prime, da Plutone e Urano, le seconde, ed in particolare queste ultime, come molti caratterizzati dal Segno della Bilancia, si aggrappano al pretesto delle questioni di Giustizia per combattere ciò che, secondo loro, espone al pericolo delle manipolazioni plutoniche, senza rendersi conto che, invece, rischiano solo di seguire la causa sbagliata.

I pianeti attuali segnalano una recrudescenza sempre maggiore di battaglie che nascondono solo il rafforzamento del potere, ammantandolo di un alone religioso e miracolistico. Sarà anche possibile che entro il 2024 spunti un leader religioso carismatico che riesca ad attirare su di sé le masse ma che non potrà comunque impedire il cambiamento di idee.

E’ possibile anche l’intensificarsi delle missioni spaziali. Fino ad un decennio fa veniva negata in maniera assoluta la vita  su altri pianeti, adesso si ammette candidamente che entro tempi relativamente brevi, potremo addirittura incontrare gli alieni. Intanto si sperimenta la vita nelle stazioni spaziali dove astronauti, anche italiani, permangono per 6 mesi e, al contempo, è pronto il programma di preparazione per mandare i primi uomini su Marte, in perfetta sintonia con i Pesci-Cosmo.

Il nuovo ciclo che si aprirà proprio dal 2024, assisterà all’utilizzo della tecnica proprio per questo tipo di viaggi il cui impulso maggiore per la scoperta e le invenzioni, sarà proprio fino a quella data. E’ già stato approntato il primo aereo a pannelli solari, di cui si parla assurdamente poco ma il cui sviluppo potrebbe portare ad un notevole miglioramento della qualità dell’aria, avvelenata da tutti i gas di scarico degli aerei, oltre che delle automobili che, peraltro, sempre maggiori avranno la probabilità di muoversi senza alcun autista.

Ci avviamo però anche ad un rafforzamento del capitale, delle banche e soprattutto una ripresa dell’orgoglio di appartenere ad una etnia anziché un’altra, e questo potrebbe avere dei risvolti inquietanti, per il supporto plutonico su cui si poggia.

Per adesso, però le vittime maggiori continueranno ad essere donne e bambini, e la sistematica distruzione dei resti delle civiltà assiro-babilonesi, con cui i nuovi movimenti religiosi hanno deciso di iniziare,  fa intravedere come, nella culla che ha forgiato proprio la disciplina astrologica, sia in realtà proprio l’Astrologia il vero bersaglio.



Di Laura Poggiani – Tutti i diritti riservati