domenica 22 gennaio 2017

LA NUOVA RS DI MATTEO







Dopo la debacle del referendum, Matteo Renzi appare più defilato e apparentemente solo intento a recuperare energie e tempo da trascorrere con la famiglia, fuori dalla scena politica che lo ha visto assai predominante sino a quel, per lui, infausto giorno di dicembre. Non dobbiamo però dimenticare che Renzi continua ad essere segretario dell’attuale partito di maggioranza e la sua figura, sulla scena politica, è assai lontana dal pensionamento.
 
Cosa ci suggerisce allora la sua nuova RS? In perfetta linea,  innanzi tutto, con il cambio della sua posizione politica, da Premier impegnatissimo, a semplice, si fa per dire, segretario di partito, la sua RS segnala un anno dove il relax, il divertimento, la famiglia saranno al centro dei suoi pensieri, come appunto a volersi rigenerare dopo un anno, quello precedente, davvero molto faticoso impegnativo. Vi sono però due segnali interessanti che indicano come il Nostro sia assai lontano dal pensiero, più volte manifestato, di volersi rottamare se quel referendum di dicembre fosse andato male: innanzi tutto vi sono segnali di battaglia nei confronti dei cosiddetti “nemici dichiarati” che però stavolta il Nostro sembrerebbe voler affrontare in maniera più diplomatica, con alternanza di “carezza nel pugno”, per dirla alla Celentano. Soprattutto però la RS ci parla della vita privata: amore al primo posto, un possibile cambio di residenza e dissapori con il coniuge ci farebbero pensare che il Matteo Nazionale potrebbe prendersi anche una pausa di riflessione coniugale, malgrado attualmente la cronaca ci parli di una vita familiare molto intensa.  Vi è poi anche la possibilità che metta in cantiere un nuovo figlio.  Insomma, un anno sabbatico in attesa di tornare in campo, dove al primo posto nei pensieri di Matteo vi è soltanto il suo benessere psicofisico e difatti ha già ripreso ad andare allo Stadio per seguire la sua squadra del cuore, la Fiorentina.
 
 
Di Laura Poggiani – Tutti i diritti riservati

 


Nessun commento:

Posta un commento